I migliori 5 racconti Ep. #5

i migliori 5 racconti Ep. #5
Photo by Joanna Kosinska on Unsplash

I migliori 5 racconti

Ep. #5

Maggio 2022

Legenda

La scelta dei racconti da leggere è dettata da qualche regola che mi sono imposto:

  • Alternare, per quanto possibile, racconti lunghi e racconti brevi;
  • Equilibrare il più possibile le lettura di racconti firmati da autrici e da autori;
  • Cercare sempre riviste diverse che pubblicano racconti

Il resto è lasciato al caso.

tempo di lettura 15 minuti
L'evoluzione de I migliori 5 racconti Ep. #5

Dopo una lunga pausa torno a parlare di racconti continuando da dove mi sono fermato e cioè ai racconti letti nel mese di maggio.

Ho cercato sempre supporto sulla Rivisteria per scovare nuove riviste ma credo di essere arrivato agli sgoccioli di questa collaborazione (fruttuosa), visto che ho aperto praticamente tutti i siti delle riviste che pubblicano racconti. Non dispero.

In questi mesi di fermo doveroso, ho avuto modo di trovare qualche altra rivista qua e là e dopo tutto questo tempo non mi sembra male l’idea di tornare a scartabellarne alcune che ho già letto.
Sono 16 i racconti che ho letto in 16 riviste diverse di cui 12 non avevo ancora sfogliato.
Siamo a settembre ed è il momento di tornare alle nostre vite e nei nostri paesi d’appartenenza, le vacanze (per chi ha avuto la fortuna di farle) sono finite. E allora perché non risintonizzarci con dei reportage sulle città?

La rivista Tre sequenze si propone  di connettere la città, i suoi quartieri e la sua storia con le attività culturali al suo interno e con le persone che la abitano.

Padova, anima di Pierfrancesco Franzoni, parla di come una città può respingerti se il tuo presente in quel luogo è rivolto al passato (ad un’altra città ed un’altra persona) e farti comprendere che la disperazione che si prova per questa scoperta può restituirti un pezzo di te stesso.

La rivista è trasversale e i racconti e le poesie non sono che una parte degli articoli che propone. La città, le città, sono lo sfondo delle vite delle persone e la vita è l’ispirazione delle arti.

Con il racconto Mio padre vendeva gelati agli eschimesi di Stefano Giaccone ci agganciamo al tema città. Torino, New York, Londra; Ritornare, andare, partire. Siamo nati per questo, per non stare fermi mai; una storia di un famiglia che nella metà degli anni ’50 si trasferisce in America per lavoro, una storia autobiografica.

Il racconto è stato pubblicato sul Numero Zero di Enne2, una eRivista letteraria che come unico punto del suo manifesto ha quello di poter essere scaricata come eBook in formati epub, mobi, azw3, in forma gratuita. 

È già disponibile il Numero #1. La rivista ha una sola pagina web interattiva.

Un pittore, ingaggiato dal commendatore Piccardi, un importante imprenditore, l'ultimo rampollo di una celebre e illustre famiglia meridionale, che ci fa fare un breve giro per Napoli, cornice della storia, si imbatte in una situazione insolita

Il racconto Attenti al gorilla di Gennaro Saviano è una delle storie che in questa puntata dei migliori 5 racconti parla di artisti, delle loro vite e dei loro pensieri.

Uscito su Eisordi che ha come unico obiettivo rendere liberi gli esordienti di poter, finalmente, dire tutto quello che ritengono opportuno (ma con stile). Il loro Insindacabile Decalogo è gioia per le mie orecchie: scrivete tutto il cazzo che volete basta che sia leggibile.

Non solo racconti ma anche podcast e articoli su film, libri, cultura e notizie.

La passeggiata di Michelangelo Franchini è il primo racconto della Creatura numero #0 la rivista letteraria del collettivo Yawp, nato a Philandelphia nel 2010, che pubblica racconti anche al di fuori della Creatura, insieme a poesie, recensioni e molto altro. Un racconto lungo che ha come protagonista uno scrittore affermato che cammina verso la resa dei conti su un episodio del suo passato: un lancio di spaghetti. Vi ho incuriosito?

Nel #4 Episodio de I migliori 5 racconti Valentina Ramacciotti per Tre Racconti, Gabriele Galligani per Altri Animali e Stefano Sicignano per La Nuova verde, sono saliti sul podio!

Un altro racconto che parla delle vita degli artisti ne i migliori 5 racconti Ep. #5, stavolta con svolte impreviste. Lo si può leggere nel numero #2 di Fantastico! l’ultimo numero scaricabile gratuitamente in pdf sul loro sito (non aggiornato dal 2020, dall’uscita del numero #2). Una rivista corposa che contiene racconti, interviste, articoli, fumetti, cruciverba e tanto altro (più di 100 pagine). Sono arrivati al numero #6 (2021), e la si può trovare (e seguire) su Instagram.

Nel numero #2 dell’aprile 2021 sono presenti tre racconti di cui ho letto Involucro di Lucilla Lo verso.

Un regalo di compleanno tra una coppia che è arrivata al capolinea della loro storia. Cosa ci sarà dentro l’involucro? Siamo noi lettori a dover decifrare il contenuto che può essere meno scontato di quanto sembrerebbe.

Anna Pulvirenti in Porte chiuse ci mostra cosa accade quando si trova una persona cara che si è appena tagliata le vene. 

Lui ha il telefono in mano, eppure tentenna. Gli manca il coraggio di comporre il centodiciotto perché ogni pensiero che lo attraversa è filtrato dalla necessità di essere credibile con chi gli chiederà cosa fa lì e a che titolo.
Un racconto diretto e cinico incentrato sui pensieri del protagonista, con un colpo di scena finale dove mostrerà la sua vera morale.

Pubblicato su Grado Zero, nome rubato a Roland Barthes – Il grado zero della scrittura, che vuole indicare il punto di partenza da cui la rivista intende muoversi.
Oltre ad essere una rivista culturale che pubblica anche racconti, offre servizi editoriali e redazionali.

Sguardi diversi che raccontano insieme realtà e bellezza. Nel sito si può trovare la sezione Ipertesti, un approfondimento dei racconti/saggi presenti in Spiragli e Impronte, lo spazio che In allarmata radura dedica ai suoi artisti visuali.

Abitare lo spazio, tenere nel tempo di Aurora dell’Oro spiega precisamente la natura della rivista: un racconto fatto di sbalzi temporali con citazioni e appunti inseriti, a mio avviso, in maniera splendida nella storia, che si amplia con alcune foto specifiche.

Nel numero 7 della rivista Lunario (nel frattempo è uscito già il numero 8) uno dei racconti presenti è Il giardino delle rose di Luca Bonisoli.

Una storia drammatica che ci porta ,per qualche minuto, dentro la testa di un folle che dopo esser scappato dal manicomio era tornato alle montagne della sua gioventù. A cercare di nuovo le rose rosso sangue che a lui piacevano tanto, per compiere un suo speciale rituale di addio. In Lunario c’è anche spazio per racconti internazionali: Ci piace l’idea di scovare penne o matite emergenti anche in realtà apparentemente distanti dalla nostra e farle sentire a casa.

Nel terzo episodio de I migliori 5 racconti ho letto 18 storie tra le quali un racconto lungo, dal titolo Sovvertimento di Enrico Carli, uscito in sei puntate su Malgrado le mosche nella rubrica il Fogliettòn.

Una persona che cerca di farsi un’idea su un argomento che fino a quel momento non aveva nemmeno preso in considerazione, che nel frattempo si sta trasformando in uno scandalo, entra nel turbine di paper, articoli scientifici, notizie sui social, associazioni, petizioni, pareri spassionati di colleghi, parenti e amici, considerando il peso delle verità anche in base alla sua vita privata.


Big Toothpaste di Federica D’Alessandro è stato pubblicato su Il Loggione letterario, una rivista divisa in tre sezioni:

Il blog che pubblica recensioni, racconti, interviste, iniziative culturali sulla scrittura e letteratura; una vera e propria rivista (scaricabile in pdf ma vi consiglio prima di sfogliarla online, no spoiler) con all’attivo tre numeri; uno studio editoriale per autori, editori e aziende.

Dei giovani ragazzi in provincia di Udine hanno creato La seppia per farsi scrivere, ma prima di tutto per farsi leggere, perché i tentacoli della Seppia vi avvinghino polsi e caviglie per tirarvi dentro alla lettura senza che riusciate a districarvene. Leggeteci, ripetiamo, questo ci importa.

Racconti e poesie, sempre affiancati ad un illustrazione, sono il fulcro della rivista che da spazio anche ad inserti fotografici.

Se volete leggere racconti molti brevi (massimo 2500 battute e cioè al massimo 3 minuti di lettura se leggete con calma) Pastrengo è la rivista cha fa per voi. Ogni martedì pubblica un racconto brevissimo: Una sfida per chi scrive, una risposta a un modo di leggere sempre più frammentario e intermittente. Pastrengo è anche (e soprattutto) un’agenzia letteraria.

L’ispettore Norse di Mauro Reperto ci porta in pochi minuti, con ironia, in mondi alternativi, senza delimitarli, lasciando a chi legge il piacere di interpretarli.

Nel loro sito c’è di tutto: racconti (StreetStory), interviste, articoli su cinema, letteratura, città, sport e molto altro,  hanno una rivista (arrivata al numero 24) che si può letteralmente sfogliare online (e anche comprare in cartaceo), organizzano eventi culturali che filmano, fotografano, registrano, ma è riduttiva la mia descrizione perché per ogni sezione se ne apre un’altra ed è più facile andare a vedere di persona che spiegarlo a parole.

L’assicurazione non assicura di Alberto Lucchini è un’esilarante storia di come un assicurato si vendichi, con un metodo tutto suo, di un assicuratore che forse non ha sottoscritto una polizza assicurativa per sé stesso.

Mi sono capitati molti racconti simpatici nelle letture di maggio.

Honey Killer di Bruno Pompili è una storia divertente che racconta di un medico, Occhialino, una ventura umana, che si ritrova alle prese con una serie di morti, tra i senza tetto della zona, causa diabete. 

Voce blu è un blog di letteratura musica e spettacolo che racconta libri, fa delle interviste, esplora il mondo dell’arte e, a volte, pubblica qualche racconto.

Un lungo abbraccio di Valentina Antonelli è un racconto brevissimo, una radiografia di un momento tanto atteso.

Mai nella sua vita varcò con quei sentimenti nel cuore il portone del suo palazzo, né con  quella solenne rapidità ultimò il gesto di legarsi le scarpe.

Oltre a racconti e poesie inediti, la rivista L’incendiario ha un calendario editoriale variegato che spazia dalle recensioni alla critica letteraria.

Un libro è per tutti ed è di tutti, e deve ritornare a essere di tutti; ognuno deve essere libero di esprimere il proprio attuale pensiero critico, ognuno può essere in grado di bruciare con la propria penna oggi.

Salmace (che ho incontrato già parecchi mesi fa nel primo episodio della rubrica) è una rivista per chi vuole esclusivamente leggere racconti. Pubblica con cadenza settimanale. Ha inaugurato il primo numero in pdf (aprile 2022) con 4 racconti dedicati all’argomento La crisi dell’Io.

Stephen, Andy, Rai, Tokyo, Go, Hebron, Non ricordo dove fossi, né cosa stessi facendo prima, l’unica cosa certa che so è che non serbo più ricordi delle mie vite precedenti. Due non mi bastano. Forse tre potrebbero essere sufficienti. La grande Madre è dove inizia la vita, ogni volta. Un racconto di Omar Sudoh

 

Perché Editoriale 2.0? Perché i migliori 5 racconti Ep. #5 dovrebbe avere un'introduzione diversa rispetto all'episodio precedente (tra l'altro ogni episodio ha sempre qualcosa di diverso)?

Rispetto al precedente e unico editoriale che ho scritto per la rubrica, in cui concentravo le mie attenzioni soprattutto alle riviste, in questo ho voluto dire qualcosa su ogni racconto e citarne alcuni passi. Le riviste sono importanti perché danno spazio agli autori con i propri testi ma non vorrei perdere l’obiettivo principale di questo spazio che uno solo, di base: far leggere racconti.

Se anche un solo utente leggerà una di queste storie, il mio impegno sarà ripagato.

Per conoscere come funziona, il perché, la durata e altri retroscena sulla rubrica I migliori 5 racconti leggi il mio articolo di presentazione.

I migliori 5 racconti ep. #5 - Classifica

Maggio 2022
#5 La passeggiata - Michelangelo Franchini
Copertina la creatura numero zero
Copertina Sara Giudice
Tempo di lettura 39 minuti
Ti viene d'improvviso molta tristezza. Il mondo esterno sembra futile. Perché hai iniziato a cammina-re? Dove stai andando? Ormai non puoi più ignorar-lo. Quindi eccoti la soluzione: un cartellone pubblici-tario. Uno come tanti, ma questo è diverso. C'è il nome di Pat scritto enorme, come una casa.

Passeggiare aiuta sempre a schiarirsi le idee anche se, nel mentre si cammina, si pensa che non servi a niente; spesso, tra l’altro, nasconde fini nascosti. È una storia nella storia che racconta di uno scrittore che ha il famoso blocco. I suoi piedi lo portano al centro di un suo problema che era rimasto a galleggiare nella sua incoscienza. Cosa si fa pur di mettersi sotto a scrivere? Ci si mette nella condizione di dove affrontare un vecchio amico.

Raccontata in prima persona con dialoghi veloci e innestati nel testo, con dei flashback continui nel passato, il lungo racconto ha diverse storie all’interno, con moltissime sfaccettature narrati da un solo punto di vista. Se vi perderete nella passeggiata potrete sapere cosa centra un lancio di spaghetti addosso ad uno sconosciuto e magari potrete ritrovare lo spirito giusto per inventare una nuova storia.
#4 Finzioni - Rebecca
i migliori 5 racconti ep.#5
Il logo di Fantastico! è di Giulia Gagliano
Tempo di lettura 12 minuti
«Buongiorno signor Grind! Una mattina che ha tutta l’idea di annunciare una giornata molto calda, al contrario del suo matrimonio. Ah ah!» Un ometto occhialuto e nervosamente magro si siede accanto a lui e si accende una Gitanes, tra un colpo di tosse e una stupida risata. Giochicchia con le mani sudate in grembo, pelose e dalle unghie giallognole.

Il signor Grind è uno scrittore e pubblica articoli per un giornale. Il suo romanzo è a un punto morto e non riesce ad andare avanti. Nella routine di tutti giorni un uomo, Bob, disturba il signor Grind con delle allusioni alla sua vita privata che non potrebbe conoscere.

Non è solo la moglie del signor Grind ad essere oggetto delle speculazioni di Bob ma anche il suo romanzo e l’ometto occhialuto gli darà anche consigli per migliorare la sua vita, che, per quanto sospettoso e scontroso, il signor Grind non potrà fare a meno di testare.

Il mistero è già tra le prime righe e la scrittura piacevole (a volte ironica) sprona ad andare in fondo al racconto che avrà un finale rocambolesco. Sarà davvero lo scrittore il protagonista della storia?
#3 L’assicurazione non assicura - Alberto Lucchini

Tempo di lettura 10 minuti
«Signor Galli, capisco il suo disappunto ma se ritiene che vadano modificate le condizioni della sua assicurazione…». Improvvisamente sento una fitta allo stomaco. Lui non batte ciglio, si gira dandomi le spalle e apre la doppia anta della credenza che è dietro di lui. «Possiamo tranquillamente cambiare tipo di polizza», gli dico ansimando tra i crampi di dolore. Blocco le stronzate che gli sto snocciolando quando mi vedo puntato contro un fucile. «Stia zitto» mi fa il vecchio.

Anche le persone più pacifiche del mondo avranno immaginato, almeno una volta nella loro vita, una vendetta epica contro il loro acerrimo nemico o per l’istituzione che rappresenta.

Un assicuratore che potrebbe convincere Gesù Cristo a diventare buddista va ad un appuntamento con il vecchiaccio rompicoglioni che si chiama Galli che ha studiato un piano per far pagare a lui tutte le colpe dell’assicurazione (forse anche l’assicuratore qualche colpa ce l’ha) ed umiliarlo nell’intimo.

Il linguaggio diretto e secco del racconto è una gittata di divertimento, intervallato da dei brevi dialoghi esilaranti.

L’aspettato finale non smorza il racconto che anzi termina con una battuta che mi ha fatto continuare a ridere per buoni cinque minuti. Una storia che rimane in testa. L’autore riesce in pieno nell’intento di far ridere, con un racconto breve e leggero che però fa il suo dovere fino all’ultima riga, lasciando le buone maniere a casa.
#2 Mio padre vendeva gelati agli eschimesi - Stefano Giaccone
Enne2
i migliori 5 racconti ep. #5
Tempo di lettura 8 minuti
Mio padre era un ruscone. Lavora come un matto, sempre. Non ricordo di averlo ma sentito dire “sun strac”, non ricordo di averlo mai sentito parlare in italiano a me o a mio fratello Gabriele. Parlava solo in inglese o in torinese. Eravamo una famiglia americana e saremmo rimasti lì per sempre. Questo era quello che credeva lui, ma le cose poi andarono diversamente.

Il racconto ha molto di autobiografico (vedi la breve biografia dopo il racconto), si sente dal tono, dalla malinconia e dell’orgoglio per una vita complessa e difficile.

Una storia breve di città lasciate e città che tornano, di paesi che si vogliono abbandonare ma che poi, nel momento dell’addio (o dell’arrivederci, perché non si sa mai) vengono ricordati con nostalgia: la malinconia non ha oggetti né luoghi, ha solo forme.

L’immagine di un bambino e suo padre che si soprappone all’immagine del bambino che diventerà lui stesso padre, con confronti inevitabili. Storie dentro altre storie, senza uno schema preciso, una specie di flusso di ricordi che viaggiano, si può proprio dire così, dagli anni ’20 fino agli anni 2000 coprendo tre generazioni. Il titolo verrà spiegato ma quello sarà solo il collante del racconto: è la storia di una famiglia che si muove nel tempo e nello spazio, perché restare fermi è impossibile, anche per chi pensa di non muoversi.
#1 Abitare le case, tenere nel tempo - Aurora Dell'Oro
Tempo di lettura 25 minuti
Quando erano usciti tutti, elettricisti, muratori, padri e madri con i loro cesti di frutta e le loro riserve d’amore; da depositare sul tavolo appena comprato, i primi, e ovunque negli angoli, le seconde; si era sdraiata per terra, mettendosi in ascolto. Sentiva l’arteria battere, dietro la sua testa. Contò sei pulsazioni in sessanta secondi. Il cuore di una tartaruga. Quella casa avrebbe avuto una vita lunga, almeno centocinquant’anni.

Questo racconto è l’emblema del tipo di contenuti che In allarmata radura si propone: ibridi tra narrativa e saggistica.

Un racconto illuminante per struttura e prosa: la storia di una ragazza che si sposta tra passato e presente lasciando come unico comun denominatore la casa, come luogo, come essere vivente, come scenario e come ambizione della vita – «Stiamo per infilare l’aorta dentro la nostra casa, devo essere presente quando accadrà»-.

Nello stesso racconto ci sono intermezzi dello stesso personaggio che annota, dopo aver letto le opere di Tommaso Landolfi scrittore e poeta del ‘900 , idee e riassunti - Scenario privilegiato è il paesaggio di Pico Farnese (nota bene: oggi Pico, prov. di Frosinone; Lazio, duemila anime; programmare una visita il prima possib.), paese natale di Tommaso Landolfi, nonché la casa avita, antica e d’origine nobiliare, da cui raramente lo scrittore si allontanava -, di cui poi riscrive pezzi di alcuni suoi scritti.

Ad ogni lettura ci trovo qualcosa di diverso: mi perdo nella storia trovando ogni volta un osservazione diversa; mi lascio trascinare dalle citazioni su Tommaso Landolfi che non conoscevo e che vorrei approfondire; mi saltano addosso idee dagli appunti che il personaggio prende (e ci mostra).

Perché se da una parte c’è la storia reale di una donna con i suoi problemi e la sua storia passata, dall’altra ci sono le sue annotazioni che parlano anche di altro, che hanno al centro lo scrittore Landolfi, ma che riportano sempre a questo luogo fondamentale per l’essere umano: la casa. Un racconto innovativo ed evocativo, che si lascia interpretare mantenendo i riflettori sul punto fermo delle nostre vite che si trasforma con il passare del tempo.

Le riviste seguite per i migliori 5 racconti Ep. #5

Le riviste letterarie online che ho sfogliato a maggio 2022:
  • Tre sequenzeNuova
  • Nadja – Rivista letteraria – Nuova
  • Three Faces – La terza faccia della medaglia –  Nuova
  • Il loggione letterario – Studio editoriale, polo culturale, rivista letteraria – Nuova
  • Voce blu – Letteratura arte e spettacolo – Nuova
  • Fantastico! – Nomi. Cose. Città. – Nuova
  • Yawp – Urlo Barbarico – Nuova
  • Grado zero – La cultura. Oggi. – Nuova
  • In allarmata radura – Il bosco s’è mutato/ in allarmata radura – Nuova

  • L’incendiario – Blog culturale di letteratura – Nuova
  • Enne2 – eRivista letteraria – Nuova
  • Salmace
  • Lunario – Just an outer zine – Nuova
  • La seppia – Rivista letteraria indipendente
  • Pastrengo – Agenzia Letteraria 
  • Eisordi – Rivista

Lista degli altri racconti letti a maggio 2022

I migliori 5 racconti Ep. #5

P.s. Non è una classifica, non lo è mai stata. Sono in ordine di lettura.

Potete trovare tutti i racconti letti di "I migliori 5 racconti Ep. #5" (Maggio2022) nella cartella, tra le storie in evidenzia di IG, dal nome "RaccontiMag22". Di seguito il link.

I migliori 5 racconti Ep. #5 è terminato. Se avete suggerimenti per migliorare la rubrica o qualche altro aspetto che volete conoscere su riviste, scrittori, racconti, scrivete nei commenti.

Avete letto uno di questi racconti? Quale?
Quale genere preferite?
Conoscete altre riviste che pubblicano racconti?
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x